fatturaNe parlano tutti, noi abbiamo aspettato per vedere come è stato l'avvio. Il Sistema di Interscambio (SdI, gestito dall’Agenzia delle Entrate, è il sistema informatico che riceve le fatture elettroniche, effettua i controlli, e le inoltra ai destinatari) sta svolgendo il proprio compito, i servizi e l’app messa a disposizione dall’Agenzia delle Entrate funzionano. [...]

In base ai dati raccolti dai “software sonda” (i software che monitorano i flussi di dati all’interno dei server) resi disponibili dall’Agenzia delle entrate e all’operato del team di esperti messi in campo per verificare il buon andamento dell’infrastruttura, è stato reso noto che nei primi 4 giorni del 2019 sono state emesse circa 700mila fatture elettroniche al giorno con una percentuale di errore pari al 6%, definita fisiologica, molto più bassa di quella che era stata registrata (30%) quando nel 2015 si era iniziato a fare fattura elettronica verso la PA.
Una delle problematiche più frequenti è come emettere fattura elettronica verso soggetti di cui non si conosce la PEC o il codice destinatario.
La regola generale è che i soggetti IVA obbligati alla fattura elettronica devono comunicare un indirizzo telematico al quale ricevere il documento digitale: nel caso in cui un’impresa o un professionista si trovi a dover emettere fattura nei confronti di un cliente che non ha fornito l’indirizzo, la soluzione è quella di valorizzare nel campo del destinatario il codice convenzionale “0000000” (sette volte zero), e il sistema di interscambio invierà il documento nel cassetto fiscale del destinatario. Il SdI rende quindi disponibile la fattura elettronica al cessionario/committente nella sua area riservata del sito web dell’Agenzia delle Entrate, inviando al cedente/prestatore un duplicato informatico.
Attenzione: il cedente (chi emette fattura) deve comunque comunicare “tempestivamente” al destinatario, per vie diverse dal sistema di interscambio, che l’originale della fattura elettronica è a sua disposizione nella sua area riservata del sito web dell’Agenzia delle Entrate. Tale comunicazione può essere effettuata anche mediante la consegna di una copia informatica o analogica della fattura elettronica.