6Stiamo ancora parlando dei veicoli di nuova generazione che già sono cambiati e lo saranno sempre di più nel prossimo futuro. Adeguarsi agli acciai alto resistenziali alle leghe di alluminio e alle nuove tecnologie riparative, è stato l’imperativo negli ultimi anni del carrozziere, ma siamo già davanti a nuovi materiali e sopratutto nuovi metodi di assemblaggio. L’industria crea, sperimenta, produce e il carrozziere deve adeguarsi. Pensate che le vetture costruite nei prossimi anni impiegano oltre 50 diversi materiali. Non solo quindi una varietà di acciai ad alta resistenza, ma una miscela che comprende diverse tipologie di alluminio, rinforzato con fibre, materie plastiche e materiali compositi [...]

Tale varietà presenta un numero ancora maggiore di combinazioni attraverso l’incollaggio di pannelli o la saldatura. Si è arrivati ad avere veicoli i cui pannelli esterni sono in alluminio incollati, per prevenire la corrosione da contatto, a un telaio in acciaio, il che rende impossibile la rimozione del pannello di rivestimento (p.e. della porta). In questo caso un riparatore sarebbe costretto a sostituire intere sezioni della macchina. I produttori sono impegnati nella tecnologia della sicurezza che sta causando una proliferazione di congegni elettronici per l’assistenza alla guida e la prevenzione degli incidenti.
Il pericolo per l’autoriparatore è quello di non essere sufficientemente preparato, per cui il problema diventa la sicurezza; una cattiva riparazione potrebbe causare malfunzionamenti nella tecnologia per la prevenzione o protezione negli incidenti che potrebbe comportare un reale pericolo di contenzioso. Per il riparatore diventa sempre più difficile poter mantenere un costante aggiornamento per rendere il cliente soddisfatto, non solo sulla tecnica, ma sopratutto a causa dei maggiori tempi di riparazione e maggiori costi.

Autoinforma

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

1 1