Valutazioni tecniche
Stima del danno auto
Seminari
Tecniche riparative - Gestione del sinistro - Assistenza aziendale
Blog
Notizie, curiosità, informazioni
Adesivi e sigillanti
Seminario sul corretto utilizzo di adesivi e sigillanti
I nuovi materiali nella costruzione degli autoveicoli
Acciai alto resistenziali e Leghe di alluminio
La gestione del sinistro
Gestire il sinistro in carrozzeria
Furto - Incendio - Kasko
Interpretare correttamente le garanzie CVT nella liquidazione del danno
 
 
 

Il Governo promulga le leggi per meglio regolamentare la vita dei cittadini, nel nostro caso la riforma dell'RCA che si sta approntando, dovrebbe, almeno secondo le intenzioni, tutelare meglio gli utenti. Se questo è l'intendimento generale, è possibile che lungo il cammino qualcuno rimanga penalizzato. [ continua]
Ebbene questo qualcuno, almeno leggendo la bozza di preparazione della legge, pare proprio sia la categoria dei carrozzieri. Perchè, qualcuno si chiederà, proprio loro? Non certo perchè sono antipatici, anzi! ma per il solo fatto che contribuiscono in qualche modo alla spesa per il risarcimento dei danni. A poco vale sostenere che il loro contributo è inferiore, per esempio, alla spesa per le lesioni, quello che conta è che rappresentano la base di un indotto molto più vasto che negli ultimi anni ha visto accrescere i costi indiretti dei risarcimenti collaterali alla spesa per le riparazioni. Quindi non tanto c'entrano i carrozzieri e i costi puri delle riparazioni, quanto tutte le spese parassite che ci stanno attorno e che l'indennizzo diretto aveva cercato di frenare se non eliminare.
Quello che non è entrato dalla porta, si cerca oggi di farlo entrare dalla finestra e, forse, questa volta il gioco potrebbe riuscire. 
Se le cose non cambiano in corso d'opera, si stà riprononendo l'esatta fotocopia dei provvedimenti previsti nel 2014 con il decreto liberalizzazioni, poi stralciati, con addirittura dei peggioramenti: installazione della "scatola nera" e spese accessorie a carico dell'utente, con successivo recupero sul premnio di polizza e validità dei dati ai fini giudiziari, clausole di rinuncia alla cessione del credito e di risarcimento in forma specifica o, in in alternativa a fornire informazioni sul riparatore incaricato per permettere l'accertamento del danno prima dell'inizio delle riparazioni. E dulcis in fondo, nel caso che il danneggiato sia diverso dall'assicurato che ha sottoscritto la clausola del risarcimento in forma specifica, può scegliere si il proprio carrozziere, ma la spesa della riparazione va versata al carrozziere dietro presentazione della fattura. Ha, quasi dimenticavo che se il danneggiato (non il proprio assicurato) non effettua la riparazione, la somma che riceverà quale rimborso sarà pari a quella che la Comapgnia di Assicurazione avrebbe pagato al proprio fiduciario.   
"L'è pezo el tacon del buso" (è peggio la pezza del buco) di direbbe nel veneto, in effetti era meglio accettare il vecchio decreto che, quanto meno, prevedeva che tutti i veicoli venissero riparati e che il pagamento andasse direttamente al carrozziere. Poca lungirmiranza o difesa d'interessi che poco o nulla hanno a che spartire con i riparatori? Mah! ora non rimane che stare a vedere.


Autoinforma

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna