Valutazioni tecniche
Stima del danno auto
Seminari
Tecniche riparative - Gestione del sinistro - Assistenza aziendale
Blog
Notizie, curiosità, informazioni
Adesivi e sigillanti
Seminario sul corretto utilizzo di adesivi e sigillanti
I nuovi materiali nella costruzione degli autoveicoli
Acciai alto resistenziali e Leghe di alluminio
La gestione del sinistro
Gestire il sinistro in carrozzeria
Furto - Incendio - Kasko
Interpretare correttamente le garanzie CVT nella liquidazione del danno
 
 
 

Le Compagnie di assicurazioni, spiazzate dal Decreto del governo sulla scatola nera che pone a loro carico tutti gli oneri per l’installazione e la gestione, non mollano la presa per far in modo che una parte delle spese vada a carico dell’utilizzatore (consumatore).  Ora spaventano le istituzioni e le associazioni dei consumatori (che a quanto pare ci credono), con una sequela di dati. Se la scatola nera fosse installata su tutti i veicoli in circolazione in Italia, secondo la previsione dell’ANIA, riportata sul Sole 24ore [...]

il costo ammonterebbe a 3,1 miliardi di euro, compresi costi di esercizio. Di conseguenza non sconti o abbassamenti di tariffe, ma caso mai incrementi.

Ma chi vuole la scatola nera? i consumatori per farsi controllare? penso proprio di no! Le assicurazioni per tenere sotto controllo le frodi e creare basi statistiche sul comportamento di guida dei propri assicurati? Sicuramente questo è lo scopo primario della scatola nera e allora, pagatevi le informazioni. Un piccolo scotto economico per avere dati statistici oggettivi e non sempre virtuali come ora, vale la spesa. Ovviamente per chi accetta l’installazione dell’apparecchio, tenuto conto che sono io che faccio un favore a te, … mi paghi, sotto forma di uno sconto sul premio di polizza. Neanche questo ti va? allora non se ne fa nulla e amici come prima.

Il discorso mi pare non faccia una grinza, ma non finirà qui, statene certi.

Giovanni alberino

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati:


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna