Valutazioni tecniche
Stima del danno auto
Seminari
Tecniche riparative - Gestione del sinistro - Assistenza aziendale
Blog
Notizie, curiosità, informazioni
Adesivi e sigillanti
Seminario sul corretto utilizzo di adesivi e sigillanti
I nuovi materiali nella costruzione degli autoveicoli
Acciai alto resistenziali e Leghe di alluminio
La gestione del sinistro
Gestire il sinistro in carrozzeria
Furto - Incendio - Kasko
Interpretare correttamente le garanzie CVT nella liquidazione del danno
 
 
 

posteL’amministratore delegato Matteo Del Fante ha illustrato il piano industriale di Poste Italiane, che permetterà al gruppo di investire sull’RC Auto.
Attraverso il piano industriale “Deliver 2022” Poste Italiane investirà su uno specifico progetto assicurativo riguardante il ramo danni, e soprattutto, l’ambito dell’RC Auto. Questa decisione rientra nella volontà di supportare una strategia di potenziamento dell’intera divisione assicurativa. Il comparto danni rappresenta un settore chiave per “Deliver 2022”, in quanto beneficerà delle macro tendenze e della bassa penetrazione attuale nella popolazione italiana. L’amministratore delegato di Poste Italiane Matteo Del Fante ha dichiarato: “Bisogna dare tempo al tempo, per individuare il momento più opportuno per l’ingresso nel mercato Rc Auto. L’intenzione è di completare la gamma di prodotti offerti incluso il ramo auto e altri prodotti non vita e l’avvio del nuovo business avverrà in un modo molto graduale, comunque entro il 2022”. L’obiettivo dichiarato sarà di arrivare alla distribuzione di oltre 2 milioni di polizze l’anno.

fca fiat chrysler logoAl pari di altre case automobilistiche che hanno già programmato questa risoluzione, anche FCA dal 2022 non produrrà più veicoli passeggerti con motorizzazioni alimentate da gasolio. Il motivo di questa decisione è da attribuire al crollo della domanda, e ai costi crescenti per rendere la tecnologia in linea con gli standard delle emissioni. Infatti l'industria stima che i costi saliranno del 20% per lo sviluppo di tecnologie in grado di rispettare i sempre più stringenti target sulle emissioni. Il tutto accompagnato dall'inesorabile avanzata delle auto elettriche, sempre meno care, sia in produzione che al cliente.

WhatsApp Business 750x422La versione aziendale della più famosa applicazione del mondo da qualche giorno diventa anche Business, permettendo alle aziende e ai professionisti di velocizzare la comunicazione con i clienti. La versione aziendale consentirà loro di rispondere facilmente alle richieste dei clienti, separare i messaggi personali da quelli di lavoro e avere una presenza ufficiale sulla piattaforma con un profilo verificato. (segue)
Leggi tutto: WhatsApp Business

PECCon la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, il 16 gennaio, del decreto del Ministero dell'Interno del 18 dicembre 2017, è diventata infatti operativa la modifica che impone la notifica delle sanzioni amministrative per violazione del Codice della Strada prioritariamente in via telematica tramite posta elettronica certificata (PEC). (segue)
Leggi tutto: Multe notificate via PEC

PorscheIl primo veicolo a portare il nome Porsche è stato immatricolato l’8 giugno 1948: si trattava della 356 “N.1” Roadster. Ferdinand Porsche aveva progettato innovazioni pionieristiche per l’industria automobilistica già agli inizi del secolo scorso.
Nel 1931 fondò il proprio studio ingegneristico. La “Berlino-Roma” presentata nel 1939 segnò la nascita della sua idea di una vettura sportiva a marchio Porsche, anche se il suo sogno venne poi realizzato dal figlio Ferry solo nel 1948, con la 356.
Il futuro delle sportive Porsche sarà rappresentato dalla Mission E, la prima vettura a propulsione esclusivamente elettrica prodotta dalla Casa di Zuffenhausen. Questa concept car 4 porte, a 4 posti separati, avrà una potenza erogata complessiva di oltre 440 kW (600 CV) e un’autonomia superiore ai 500 km; accelera da 0 a 100 km/h in meno di 3,5 secondi e può essere ricaricata all’80% in circa 15 minuti.
Auguri Porsche per i tuoi primi 70 anni.