Valutazioni tecniche
Stima del danno auto
Seminari
Tecniche riparative - Gestione del sinistro - Assistenza aziendale
Blog
Notizie, curiosità, informazioni
Adesivi e sigillanti
Seminario sul corretto utilizzo di adesivi e sigillanti
I nuovi materiali nella costruzione degli autoveicoli
Acciai alto resistenziali e Leghe di alluminio
La gestione del sinistro
Gestire il sinistro in carrozzeria
Furto - Incendio - Kasko
Interpretare correttamente le garanzie CVT nella liquidazione del danno
 
 
 

La VI Commissione Finanze della Camera sta decidendo su tabelle per la quantificazione del danni fisici superiori al 9% e un maggior controllo dei risarcimenti per i veicoli (decisione ad oggi rinviata). Non è questa una novità, analoghe richieste erano state vagliate precedentemente da altra commissione e ancora prima da altri esponenti politici il tutto rimasto lettera morta se non sospeso [...]

Leggi tutto: La paura fa 90

E’ già da qualche tempo che mi sono chiesto, vedendo il lungo elenco di denunce pubblicate da IVASS sul suo sito circa l’emissione di tagliandi falsi o comunque non validi di pseudo compagnie di assicurazioni o intermediari non autorizzati, come mai oltre alla denuncia non venga perseguito penalmente chi perpetua questo illecito. Se l’illecito è commesso da società esistente, ma non abilitata all’assicurazione RCA, va perseguita quella società. Se invece è una  falsa emissione di tagliandi a nome di una società a sua insaputa, dovrebbe essere la stessa società a denunciare il falsario se indentificato. Solo nel caso l’illecito sia addebitabile a soggetto  non identificato, non c’è nulla da fare, ma non si dica che  la lunga lista che appare sul sito dell’IVASS con nomi, cognomi e in qualche caso indirizzi  e ragioni sociali, sono soggetti all’oscuro di tutto o anonimi. Visto il continuo proliferare di tagliandi falsi o comunque non validi c’è da pensare che  chi commette il reato la passi liscia.

Autoinforma

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Qualcuno che è ben a conoscenza dei fatti di questi ultimi mesi, si chiederà perchè abbiamo usato la forma interrogativa nel titolare la possibilità che vi sia un nuovo accordo tra i Carrozzieri e l’ANIA. Bhe! semplicemnente perchè se di accordo si tratterà non sarà certamente come quello decaduto nel lontano 2003: la basi saranno senz’altro diverse, oseremo dire “politiche” più che tecniche, anzi è forse meglio dire “comportamentali” [...]

Leggi tutto: Ritorna l’accordo ANIA – Carrozzieri?

Il Consiglio dei Ministri il 26 agosto 2013 ha h approvato un provvedimento di semplificazione e riduzione dei costi che riguarda lo smaltimento dei rifiuti pericolosi. La semplificazione principale dell’intervento normativo consiste nel circoscrivere il Sistri solo ai produttori e ai gestori di rifiuti pericolosi. Pertanto, dal 1° ottobre 2013 il sistema partirà solo per i gestori di rifiuti. Per i produttori di rifiuti pericolosi il Sistri partirà invece il 3 marzo 2014 al fine di consentire ulteriori semplificazioni, con possibilità di ulteriore proroga di sei mesi se a tale data le semplificazioni non saranno operative.

Autoinforma

Le tariffe RCA sono in calo. Questo è quanto comunicato dell’ANIA e registrato anche da altre autorevoli fonti. Della diminuzione dei premi non se ne sono resi però conto gli utenti, per loro il beneficio non c’è stato.
In effetti, la dimuzione è stata compensata dall’incremento sull’imposta locale applicata alle assicurazioni auto, la cui gestione, a causa di un decreto sul federalismo fiscale approvato nel 2011, è totalmente a carico delle singole province. L’80% delle provincie ne hanno approfittato portanto la tassazione ai massimi (dal 12,5% al 16%).
Morale! meno premio = meno tasse, più premio = più tasse, per buona pace loro e allegrezza di tutti noi…

Autoinforma