Valutazioni tecniche
Stima del danno auto
Seminari
Tecniche riparative - Gestione del sinistro - Assistenza aziendale
Blog
Notizie, curiosità, informazioni
Adesivi e sigillanti
Seminario sul corretto utilizzo di adesivi e sigillanti
I nuovi materiali nella costruzione degli autoveicoli
Acciai alto resistenziali e Leghe di alluminio
La gestione del sinistro
Gestire il sinistro in carrozzeria
Furto - Incendio - Kasko
Interpretare correttamente le garanzie CVT nella liquidazione del danno
 
 
 

WhatsApp Business 750x422La versione aziendale della più famosa applicazione del mondo da qualche giorno diventa anche Business, permettendo alle aziende e ai professionisti di velocizzare la comunicazione con i clienti. La versione aziendale consentirà loro di rispondere facilmente alle richieste dei clienti, separare i messaggi personali da quelli di lavoro e avere una presenza ufficiale sulla piattaforma con un profilo verificato. (segue)
Leggi tutto...

PorscheIl primo veicolo a portare il nome Porsche è stato immatricolato l’8 giugno 1948: si trattava della 356 “N.1” Roadster. Ferdinand Porsche aveva progettato innovazioni pionieristiche per l’industria automobilistica già agli inizi del secolo scorso.
Nel 1931 fondò il proprio studio ingegneristico. La “Berlino-Roma” presentata nel 1939 segnò la nascita della sua idea di una vettura sportiva a marchio Porsche, anche se il suo sogno venne poi realizzato dal figlio Ferry solo nel 1948, con la 356. http://www.cdrparts.it/?miokse=www-stockpair-com-%D0%BE%D1%82%D0%B7%D1%8B%D0%B2%D1%8B&069=b9 Il futuro delle sportive Porsche sarà rappresentato dalla Mission E, la prima vettura a propulsione esclusivamente elettrica prodotta dalla Casa di Zuffenhausen. Questa concept car 4 porte, a 4 posti separati, avrà una potenza erogata complessiva di oltre 440 kW (600 CV) e un’autonomia superiore ai 500 km; accelera da 0 a 100 km/h in meno di 3,5 secondi e può essere ricaricata all’80% in circa 15 minuti. go site Auguri Porsche per i tuoi primi 70 anni.

semaforo contasecondiSemafori che visualizzano il tempo in secondi a scalare per il cambio di colore, è una realtà a partire dal 19 dicembre dell’anno appena trascorso. Non più ansia da verde, ma cosciente attesa.
Una delle cose che maggiormente infastidiscono gli automobilisti, in particolare per chi viaggia per lavoro e ha tempi ristretti, sono le attese semaforiche e l’attenzione che ciascuno deve porre per ripartire non appena si accende la luce verde.
Orbene! Dal 19 dicembre scorso, con il decreto 27 aprile 2017 ( G.U. n.140 del 19-6-2017) il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha emanato norme inerenti le caratteristiche per l’omologazione e per l’installazione di dispositivi finalizzati a visualizzare il tempo residuo di accensione delle luci dei nuovi impianti semaforici, denominati “countdown”.
Il decreto pone l’obbligo a tutti i proprietari di strade a uso pubblico in occasione di nuove installazioni semaforiche o di sostituzione di quelle esistenti, di dotarli di dispositivi finalizzati a visualizzare il tempo residuo di accensione delle luci. Facoltativamente i comuni possono far installare i contatori a tempo, anche a impianti già esistenti.
Quindi, non più ansia da semaforo, caso mai questa rimane per chi, vedendo i pochi secondi rimanenti per lo scattare del rosso si accinge comunque ad attraversare l’incrocio.

TreffilettiPoco prima di Natale, è' stato raggiunto un importante accordo per il contrasto delle frodi assicurative tra l'ANIA (associazione delle Imprese assicuratrici) e la Procura Generale di Catania responsabile per i tribunali di Catania, Caltagirone, Ragusa e Siracusa per il contrasto delle frodi che ormai rappresentano un fenomeno il cui rischio è stimato nel 22% nel solo ramo RCA. L'accordo riguarda tutti i sinistri compresi quelli di competenza del fondo di garanzia vittime della strada e dell'ufficio centrale italiano (UCI). Il servizio antifrode dell’Ania, coordinato da watch Massimo Treffiletti, punta a fornire un supporto concreto nell’acquisizione delle informazioni e nella gestione delle attività delle imprese: l’obiettivo è quello di evitare la dispersione delle attività antifrode con una canalizzazione di querele agli uffici giudiziari. Al protocollo hanno già aderito, in via preventiva, sedici imprese assicurative che rappresentano il 95% del mercato Rc auto.
Il protocollo fa seguito a quello avviato lo scorso maggio, a Napoli, per instaurare un rapporto di reciproca collaborazione con la magistratura penale e rendere così più celeri le indagini.
L’Ania ha già avviato analoghi contatti con altre Procure della Penisola, nella speranza che l’iniziativa possa estendersi, con il nuovo anno, anche in altre zone critiche del territorio, come Puglia e Calabria. Nel frattempo, i responsabili antifrode delle imprese assicurative stanno definendo procedure e modalità di cooperazione per trarre i maggiori vantaggi dai protocolli appena siglati.

GranprixNel corso della giornata del 1°dicembre dedicata alla stampa e in quella d’inaugurazione all’interno del padiglione 32 del Motor Show Il Giornale del Meccanico ha organizzato eventi, appuntamenti e conferenze stampa interessanti e di approfondimento con un unico comune denominatore: l’informazione e il divertimento. [continua]
Leggi tutto...

sonnoIstituti di medicina italiani e internazionali sono concordi nell’affermare che i colpi di sonno rappresentano, dopo l’alcool, la seconda causa di incidenti stradali. Ecco perché Panasonic, una delle più importanti multinazionali impegnate a sviluppare specifiche soluzioni dedicate al settore automotive, ha progettato negli ultimi mesi una particolare tecnologia per la rilevazione della sonnolenza alla guida. [continua]
Leggi tutto...

noleggioAbbiamo già avuto modo di accennare alla nuova tendenza da parte dei consumatori privati, aziende e professionisti di utilizzare sempre più veicoli non di proprietà, preferendo il loro uso attraverso forme di noleggio a lungo termine. Tutto ciò comporta inevitabilmente riflessi anche nel comparto dell’autoriparazione che da sempre ha fatto del cliente (fidelizzato) un patrimonio economico su cui fare affidamento. Il noleggio a lungo termine erode questo concetto a favore di una committenza che è sempre meno rappresentata dal cliente tradizionale. [continua]
Leggi tutto...

2cvRipercorriamo il restauro completo di una Citroën 2 CV. Già durante i primi anni Trenta André-Gustave Citroën aveva pensato alla possibilità di costruire una vettura utilitaria dai bassi costi per favorire la diffusione di massa, ma il progetto venne accantonato in favore della ben più costosa Traction Avant che di fatto causò l’estromissione dello stesso fondatore dalla casa del “double chevron”. [continua]
Leggi tutto...
1 1
Sfoglia
Editoriali